Pale eoliche in mare, Mo’ Avest: «Sciopero generale»

Pale eoliche in mare, Mo’ Avest: «Sciopero generale»

Gli attivisti: «Incredulità e sgomento»

«La notizia riguardante l’installazione di un parco eolico offshore al largo delle coste di Margherita di Savoia ha portato sgomento ed incredulità nella popolazione». Ad affermarlo in una nota stampa sono gli attivisti del gruppo politico “Mo’ Avest” di Margherita di Savoia, che hanno continuato: «Noi attivisti, vicino al Movimento 5 Stelle, abbiamo voluto vederci chiaro nella faccenda ed effettivamente le notizie circolanti sono reali e la costruzione di questo megaimpianto incombe sul nostro territorio».

«Il nostro orientamento in termini di energia si sposa con quello del Movimento 5 Stelle che parla di efficentamento energetico nell’uso dell’energia per avere un abbattimento dei consumi e attivazione di piccoli impianti per la produzione di energia rinnovabile che non coincidono affatto con la proposta depositata in Capitaneria di Porto a Manfredonia per l’installazione di ben 50 turbine alte ognuna oltre 150 metri sul livello del mare impattanti non solo sullo sviluppo turistico, della pesca e della navigazione dell’intero golfo di Manfredonia, ma anche sulle rotte degli uccelli migratori che dai Balcani vengono a svernare nelle nostre saline».

«In questi giorni abbiamo contattato tutte le forze politiche e sociali del nostro territorio per poter fare fronte comune e reagire in maniera unita a questo attacco al nostro territorio. Il nostro obiettivo è uno sciopero generale come dimostrazione alla società Trevi e al Ministero delle infrastrutture che dovrà approvare il progetto della avversione della nostra popolazione a questo tipo di installazioni».