Artigiano “adotta” la strada della sua bottega

Artigiano “adotta” la strada della sua bottega

Fiori freschi e profumati per abbellire la via

La strada più bella di Margherita di Savoia. Non c’è una targa o un titolo che lo attestino, ma semplicemente il gusto estetico che salta agli occhi di chi passa da via Albergo, a due passi dalla Terme per intendersi. Qui c’è una piccola attività di una giovane artigiana locale che ha deciso di “adottare” il marciapiede della sua bottega nel centro della città, basandosi su una delibera del Comune firmata 5 anni fa dalla giunta Marrano. Silvia Settanni a sue spese ha adornato l’ingresso del suo negozietto con vasi di fiori freschi e profumati che con le sue creazioni esposte danno l’idea di una di quelle botteghe d’artigianato tipiche delle zone costiere delle Puglia. Un’idea che, se seguita anche dai suoi colleghi, contribuirebbe a dare un volto più turistico al centro ofantino.

«La scelta di aprire l’attività in una strada e non lungo uno dei due corsi è stata una scelta ponderata – ha affermato l’artigiano -. Girando diverse località durante le mie vacanze sono sempre stata attratta dalle piccole botteghe ricche di piccoli particolari. Guardando bene, ho notata che si trattava di fiori e lanterne. Nulla di complesso. Dopo 3 anni dalla mia apertura ho deciso di abbellire la mia fetta di marciapiede. Credevo di incorrere in alcuni costi per l’occupazione del suolo pubblico con le fioriere. Invece mi sono accorta dell’esistenza di una delibera comunale che ci permette di “adottare” un marciapiede, un’aiuola. Ho deciso di adottare la strada della mia attività, tenendola pulita e adorata con dei fiori. Invito anche i miei colleghi a farlo davanti ai propri negozi a anche i cittadini come ha già fatto una signora che abita in una via vicina alla mia bottega. Basta poco per abbellire la nostra città. Margherita di Savoia è casa nostra».