Otto unità, impegnate attraverso il Servizio Civile Nazionale ed individuate attraverso un apposito bando di selezione, hanno iniziato il loro lavoro presso i servizi sociali del Comune di Margherita di Savoia mediante i progetti “Io non mollo” e “La terza giovinezza”.

Il progetto “Io non mollo” è rivolto ai minori di età compresa tra i 6 e i 14 anni in condizioni di disagio o di esclusione sociale, proponendo attività di prevenzione e di lotta alla devianza in favore di soggetti a rischio: l’intervento intende supportare anche in ambito scolastico i minori in condizioni di fragilità o inseriti in contesti sociali a rischio di emarginazione ed i minori con bisogni educativi speciali.

Il progetto “La terza giovinezza” è rivolto invece ad adulti e anziani in condizioni di disagio e punta a migliorarne la qualità della vita attraverso attività di assistenza e ludico-ricreative finalizzate a prevenire i fenomeni di emarginazione sociale: tra i bisogni più urgenti, un aiuto nel disbrigo di commissioni o pratiche burocratiche e la necessità di offrire compagnia.

«Per la nostra amministrazione comunale – dichiara il Sindaco di Margherita di Savoia, avv. Bernardo Lodispoto – la cura e l’assistenza verso i soggetti a rischio emarginazione sociale, che si tratti di minori o di anziani, è assolutamente prioritaria. L’utilizzo di otto nuove unità in carico dal Servizio Civile Nazionale attraverso i progetti presentati dal Comune di Margherita di Savoia ed ammessi a finanziamento nel luglio scorso dalla Regione Puglia ci permetterà di attuare politiche di welfare attente ai bisogni reali di quanti sono a rischio di emarginazione sociale: penso ai bambini che necessitano di bisogni educativi speciali e a quegli anziani in cerca di un aiuto nel disbrigo di commissioni e pratiche burocratiche o semplicemente bisognosi di avere compagnia. Per gli otto giovani che sono stati selezionati attraverso il bando si offre l’opportunità di maturare una importante esperienza umana e professionale che sarà regolarmente retribuita. Grazie all’attenzione dell’assessore Grazia Damato, della responsabile dei Servizi Sociali del Comune Chiara Giannino, dell’assistente sociale Valentina Carone e di Grazia Landriscina del Patto Territoriale Nord Barese Ofantino, che supporta il nostro ufficio, potremo attuare misure sempre più incisive nel campo dell’inclusione sociale. Agli otto volontari del Servizio Civile i più calorosi auguri di buon lavoro!».