Nell’imminenza dell’avvio dell’anno scolastico 2020/21 il Sindaco di Margherita di Savoia, avv. Bernardo Lodispoto, rivolge un pensiero affettuoso agli studenti, al personale docente e non docente ed alle loro famiglie.

«Quello che a breve avrà inizio – dichiara – sarà un anno scolastico molto particolare poiché segna il ritorno in classe degli studenti dopo la pausa forzata dovuta al lockdown dei mesi scorsi. Desidero rassicurare gli alunni delle scuole di ogni ordine e grado ed i loro familiari che abbiamo compiuto grandi sforzi per garantire la massima sicurezza per questa nuova partenza dal forte significato simbolico. Far ripartire le scuole significa far ripartire il nostro paese ma bisogna farlo tutelando il diritto alla salute degli studenti e del personale scolastico in modo che le famiglie possano vivere questo momento con serenità. Comprendo le preoccupazioni che accompagnano questo momento, dovute alle notizie sui nuovi casi di contagio, e colgo l’occasione per precisare che i dati riscontrati a Margherita di Savoia non devono creare allarmismi, e meno che mai scatenare un’inopportuna caccia all’untore attraverso i social, ma a maggior ragione servono per raccomandare a tutti la massima prudenza e a ricordare che è di fondamentale importanza non abbassare la guardia. A tale scopo abbiamo provveduto alla sanificazione dei plessi scolastici ubicati nel nostro paese, così come le stesse operazioni sono state condotte col massimo scrupolo sull’intero territorio provinciale: desidero pertanto ringraziare per la preziosa collaborazione i dirigenti scolastici Valentino Di Stolfo e Pasquale Sgaramella ed il consigliere delegato alla pubblica istruzione Mario Braccia. Invito dunque i miei concittadini, a cominciare dagli alunni delle scuole di Margherita di Savoia, a rispettare le norme a tutela della salute di tutti: l’uso della mascherina laddove è necessario, una grande attenzione ad osservare le norme sul distanziamento sociale ma soprattutto lavarsi e disinfettarsi le mani costantemente. Sono semplici regole che difendono il diritto alla salute di ciascuno di noi. Perché mai come quest’anno, se davvero vogliamo che sia un buon anno scolastico, sono necessari il senso di responsabilità e l’impegno da parte di tutti».