Torna la paura delle bombe ai Postamat nella provincia BAT. Dopo i numerosi casi registrati dei mesi scorsi, un nuovo episodio si è verificato, all’alba di domenica 26 maggio, nel centro di Margherita di Savoia. Ad essere preso di mira, lo sportello automatico dell’ufficio postale di via Africa Orientale, fatto esplodere con un ordigno artigianale nel tentativo di portare via i contanti contenuti al suo interno.

Il fatto è avvenuto poco dopo le 6 del mattino, quando i residenti della zona sono stati svegliati da un forte boato. Ad entrare in azione una banda di malviventi (dal numero ancora non ben precisato), secondo l’ormai collaudata “tecnica della marmotta”.

Una volta piazzata la bomba rudimentale nella fessura del Postamat dalla quale vengono erogate le banconote, i banditi hanno fatto saltare in aria il macchinario per poi impossessarsi del denaro. Ingenti i danni anche all’ufficio postale.

Ancora da quantificare l’esatto ammontare del bottino. Dopo l’esplosione, i banditi sarebbero fuggiti a bordo di un’auto scura. Sul posto Vigili del Fuoco, artificieri e Carabinieri, che hanno effettuato i primi rilievi ed avviato le indagini sull’accaduto. Al vaglio i filmati registrati dalle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona, che potrebbero aver immortalato i malviventi in azione. Non escluso che appartengano alla cosiddetta “banda della marmotta”, responsabile negli ultimi mesi di una lunga serie di assalti agli sportelli automatici di banche e uffici postali, tra le province di Foggia e Barletta-Andria-Trani.