Rifiuta di esibirsi, Pinuccio: «Accostato a una campagna elettorale, non ci sto»

Rifiuta di esibirsi, Pinuccio: «Accostato a una campagna elettorale, non ci sto»

Rientrava nelle attività di uno dei candidati sindaci a insaputa dell’artista

«La satira non può essere accostata a campagne elettorali». Con queste parole l’artista barese Pinuccio, nome d’arte di Alessio Giannone, spiega ai cittadini di Margherita di Savoia perché ha scelto di non esibirsi questa sera nella città del sale. L’esibizione del comico rientrava nel cartellone delle attività programmate per la campagna elettorale di Antonella Cusmai, candidato sindaco in corsa alle comunali del prossimo 10 giugno. Però chi aveva il compito di inviare Pinuccio a Margherita, evidentemente, non ha pesato di specificare che la sua esibizione non fosse un semplice spettacolo di cabaret per prestare il proprio libro ma un’iniziativa tutto sommato a sfondo politico.

«Sono a Margherita di Savoia – ha affermato l’artista – e mi scuso con i cittadini di questa meravigliosa città per non aver potuto realizzare la presentazione di Trumpadvisor programmata per questa sera. Purtroppo solo al mio arrivo mi sono accorto che la presentazione era stata accostata alla campagna elettorale di una candidata che corre per le elezioni comunali prossime. Ho ascoltato un audio ad un megafono che recitava con tanto di jingle “la candidata sindaco vi invita all’evento di Pinuccio”. Per questo motivo ho dovuto annullare immediatamente l’evento per evitare qualsiasi coinvolgimento. Sono rammaricato per chi mi ha aspettato ma su alcune cose non transigo. Spero sia accaduto tutto in buona fede da parte di chi ha realizzato quello spot ma nonostante la presunta buona fede io non ci sto». Per sdrammatizzare Pinuccio ha concluso con una delle sue battute a metà fra italiano e dialetto barese: «Comunque mo mi faccio un giro per Margherita se ci incrociamo ci facciamo una chiacchierata».