Consorzio SIA, Lodispoto: «Ritrovata unità di intenti sarà la nostra forza»

Consorzio SIA, Lodispoto: «Ritrovata unità di intenti sarà la nostra forza»

A Trinitapoli l’incontro tra i nove sindaci

Il Sindaco di Margherita di Savoia avv. Bernardo Lodispoto ha partecipato alla conferenza stampa indetta dai nove sindaci dei Comuni aderenti al Consorzio SIA svoltasi nella mattina di mercoledì 20 giugno presso l’Aula Consiliare del Comune di Trinitapoli. In quella sede, alla presenza di una folta delegazione di lavoratori del Consorzio, è stata illustrata la situazione e sono stati spiegati gli interventi compiuti nelle ultime ore per salvaguardare i livelli occupazionali, garantire la continuità aziendale e tutelare l’igiene pubblica per riportare alla normalità la situazione nelle comunità cittadine.

Dopo il vertice svoltosi in Prefettura venerdì scorso e culminato con la sottoscrizione di un documento unitario da parte di tutti e nove i sindaci, si è dato seguito agli impegni concordati attraverso un percorso che ha previsto tre passaggi. Innanzitutto il Consorzio ha provveduto al versamento di 360mila euro per garantire una polizza fideiussoria a salvaguardia dell’impiantistica SIA: senza di essa il Consorzio avrebbe infatti rischiato di vedersi revocata la dichiarazione di impatto ambientale, requisito necessario per la prosecuzione dell’attività. Di seguito sono stati reperiti i fondi necessari per gli interventi sul percolato in modo da rispondere alla diffida e ai rilievi formulati dall’Ufficio Tecnico Regionale.

Infine, ribadita la volontà da parte dei sindaci di sottoscrivere un contratto unico di servizio al fine di garantire al Consorzio la liquidità necessaria per la prosecuzione dell’attività, l’azienda si è adoperata per predisporre la redazione del concordato preventivo in continuità, attraverso il quale SIA non sarà più esposta alle richieste da parte dei creditori: in questo modo sarà possibile liberare le somme sotto pignoramento e liquidare, presumibilmente entro questa settimana, le spettanze ai lavoratori. È stato altresì precisato che l’adozione di tali misure era assolutamente improrogabile, trattandosi di adempimenti di legge da compiere necessariamente per giungere all’obiettivo. In forza di questa rinnovata unità di intenti e del clima di collaborazione instaurato con la Aseco, i sindaci dei nove Comuni aderenti al Consorzio SIA chiedono al Governatore della Puglia Michele Emiliano una proroga di due mesi dell’ordinanza n. 1 del 2018.

Questo il commento del Sindaco di Margherita di Savoia Bernardo Lodispoto in chiusura dell’incontro: «I nove sindaci stanno lavorando per salvare il Consorzio SIA e salvaguardare i posti di lavoro: da oggi è cambiato qualcosa perché c’è unità di intenti da parte di tutte le amministrazioni comunali che aderiscono al consorzio e questo forse dà fastidio a qualcuno. È una battaglia da fare insieme ma sono certo che, uniti, otterremo i risultati che ci siamo prefissati».