Finanziamenti UE per progetti di ricerca e innovazione: la Bat solo terzultima in Italia

Finanziamenti UE per progetti di ricerca e innovazione: la Bat solo terzultima in Italia

Il nostro Paese si è aggiudicato oltre 3 miliardi, 5° posto in Europa

Tra il 2014 e il 2019 l’Italia si è aggiudicata 3,15 miliardi di euro per progetti di ricerca e innovazione finanziati con il programma dell’Unione Europea Horizon 2020, il 65% dei quali sono stati erogati nel Lazio (789 milioni di euro, 25% del totale), Lombardia (651 mln, 20,6%), Piemonte (319 mln, 10%) e Emilia-Romagna (281 mln, 8,9%). A rilevarlo è un’analisi fatta da Art-Er, la nuova società dell’Emilia-Romagna per la crescita e l’innovazione, sui dati del portale Open Data dell’Ue, da cui emerge che il nostro Paese è 5° posto tra i Paesi europei per finanziamenti ricevuti. La Toscana (234 mln, 7,4%) è al sesto posto in Italia per valore dei finanziamenti ricevuti, mentre nelle ultime posizioni della graduatoria elaborata da ART-ER ci sono Basilicata, che ha ricevuto solo 6 milioni di euro, Molise (1,2 milioni) e Valle d’Aosta (664 mila euro). Il nostro Paese ha ricevuto poco più dell’8% dei 38,8 miliardi di euro erogati in Europa ed è 4° per numero di partecipazioni a progetti di RICERCA e innovazione (8.960), preceduto da Spagna (9.784), Gran Bretagna (11.484) e Germania (11.949). A fare incetta di finanziamenti sono stati soprattutto Germania (6,3 miliardi di euro), Gran Bretagna (5,4 miliardi), Francia (4,1 miliardi) e Spagna (3,4 miliardi).

Roma, Milano e Torino le prime tre province italiane. A livello provinciale, Roma (776 milioni di euro di contributi ricevuti) supera Milano (478,8 mln) e Torino (266 mln di euro) mentre Genova (160 milioni), precede di un soffio Bologna (158 mln). Nelle ultime posizioni della classifica ci sono la provincia Ragusa (290 mila euro), Barletta-Andria-Trani (280 mila), Siracusa (270 mila) e Verbano-Cusio-Ossola (50 mila).

La partecipazione delle imprese. Con 3.709 partecipazioni di imprese in progetti finanziati, l’Italia è terza nella classifica europea, dopo Germania e Spagna, mentre si posiziona al quarto posto per contributo ricevuto dalle imprese nazionali, con 1,17 miliardi di euro, dopo Germania, Francia e Spagna. Questo valore, pari al 37,13% dei 3,15 miliardi di euro aggiudicati dall’Italia, pone le imprese in testa alla classifica delle tipologie di soggetti beneficiari seguita dalle Università con il 31,12%, dagli Organismi di Ricerca con il 26,23% e dal settore pubblico con il 3,47%. Le regioni italiane che registrano un maggiore contributo alle imprese sono, nell’ordine, la Lombardia, con un finanziamento pari a euro 322.660.171, il Lazio con 218.249.166 euro e il Piemonte con 140.430.800 euro. Quarta l’Emilia-Romagna con un contributo alle imprese pari a 99.662.976 euro.